GardaTrek, La polenta di patate - Rifugio Pernici Garda Trek Outdoor

GardaTrek, La polenta di patate – Rifugio Pernici

aprile 7, 2017 7:30 am

 

“La polenta di patate”

“Il Trentino, allo scoppio della prima guerra mondiale, faceva ancora parte dell’Impero Austroungarico di Francesco Giuseppe. Con l’approssimarsi del conflitto il Kaiser decise di evacuare le popolazioni di confine che di li a pochi mesi si sarebbero trovate lungo la linea del fronte. Nonostante la provincia fosse animata da movimenti irredentisti, erano pur sempre i suoi sudditi e andavano protetti.

GardaTrek, La polenta di patate - Rifugio Pernici Garda Trek Outdoor

In val di Ledro i banditori imperiali obbligarono la gente a fare in fretta: nell’arco di 24 ore tutti gli abitanti della valle avrebbero dovuto lasciare la propria casa, i propri beni e i propri animali e recarsi a piedi a Riva del Garda, dove il treno li avrebbe condotti in qualche zona interna dell’Impero. Il bagaglio consentito era di dieci chili a testa.

Lo sradicamento fu brutale, ma necessario alla loro sopravvivenza; dieci chili non erano nulla e ciò che alla fine portarono con sé furono la loro lingua e la loro cultura. Erano abituati a mangiare polenta, ma in Boemia, dove vissero per tutti gli anni di guerra, non esistevano il mais e la farina gialla, l’ingrediente base dell’alimentazione era costituito dalle patate. Sostituirono la farina gialla con le Kartoffeln e inventarono la polenta di patate.

Quando, ben oltre la fine della guerra, quei disgraziati tornarono a casa, perlopiù viaggiando a piedi, trovarono la propria terra martoriata, gli animali morti, le case distrutte. Con la testa bassa iniziarono a ricostruire, ringraziando di essere vivi e continuando a cucinare la polenta di patate.”

Rifugio Pernici: punto d’arrivo della prima tappa del GardaTrek

Il rifugio Nino Pernici è il punto d’arrivo della prima tappa del nuovo Garda Trek – Top Loop, un itinerario di trekking sul lago di Garda che di cima in cima, di rifugio in rifugio disegna una vera e propria corona sulle montagne che circondano il Garda Trentino.

Si tratta di un trekking impegnativo, riservato a escursionisti allenati e preparati, che non temono i passaggi esposti e sono pronti ad affrontare dislivelli impegnativi. La ricompensa? Panorami mozzafiato, una grande soddisfazione e la possibilità di concludere la giornata godendosi la calda ospitalità dei rifugi in quota. In questo caso, sarà proprio Marco de Guelmi, il gestore del rifugio Pernici, ad accogliervi con la sua famiglia e a offrirvi probabilmente una gustosa fetta di polenta di patate per recuperare le energie dopo le fatiche della lunga tappa in salita.