Di Gusto in Gusto: il villaggio dei sapori tipici Enogastronomia

Di Gusto in Gusto: il villaggio dei sapori tipici

dicembre 13, 2016 7:00 am

 

Fino all’8 gennaio 2017 avete un’occasione incredibile. Degustare con gli occhi e il palato tante prelibatezze tipiche dell’Alto Garda. Dove? A “Di gusto in gusto”, a Riva del Garda.

Nessuna contaminazione o, come direbbero gli inglesi “fusion style”. Solo tipicità. Perché un territorio va tutelato ed esaltato e quale migliore occasione se non il Natale?

23 CASETTE, PASSEGGIANDO DI GUSTO IN GUSTO

Questo periodo dell’anno più degli altri è sinonimo di tradizione e passeggiando per il centro storico di Riva del Garda i profumi e i sapori sono proprio quelli di casa qui nel Garda Trentino.

In ognuna delle 23 casette presenti (tutte elegantemente addobbate a festa con calde luci che fanno atmosfera nella già meravigliosa cornice del Lago di Garda), potrete degustare (o portare a casa così da avere la cena pronta senza impazzire ai fornelli!) un piatto creato da sapienti mani con materie prime che sono vere e proprie eccellenze del territorio.

Di Gusto in Gusto: il villaggio dei sapori tipici Enogastronomia

E nel fine settimana potete innaffiare queste ghiottonerie con delle bollicine. Ma rigorosamente doc, nel Percorso del gusto Trentodoc. Un vero e proprio pacchetto degustazionicomposto da quattro piatti a scelta fra le 23 proposte e due calici Trentodoc.

Perché chi sa scegliere quando le proposte sono così golose? Io non ci provo nemmeno e mi lascio tentare da ben quattro creazioni 100% trentine. Chiudendo gli occhi mi sembra di sentire la voce di mia nonna che mi chiama a tavola perché è pronto.

Pan di molche, carne salada, trota salmonata, il mosto d’olio extravergine, il broccolo di Torbole, le susine di Dro, tante pietanze succulente reinterpretate dagli chef in accattivanti versioni.

E il profumo di “buono” pervade tutta Riva del Garda.

Produttori, ristoratori e Trentodoc ce l’hanno messa proprio tutta per farci venire fame!

Mi fermo a gustare un cono di sarde fritte sulla panchina in riva al lago, quella dove ogni tanto mi fermo per scattare qualche foto al panorama unico di cui si gode da Piazza Garibaldi .

Il freddo è pungente ma assaporando le sarde di lago fritte mi sembra di sentirlo di meno. Un calice di Trentodoc e sono pronta per gustare il secondo piatto. Questo era solo l’aperitivo!

Io sono qui, mi state raggiungendo? Avete tempo fino all’8 gennaio ma, in fondo, perché aspettare?! Christmas is here!